Tessuti per abiti da sposa

Le stoffe, i pizzi ed i merletti… Come districarsi nell’immensa offerta degli abiti da sposa, scegliendo l’abito giusto? La scelta del modello insieme alla stoffa “faranno” il Vostro abito da sposa.

Conoscere i vari tessuti utilizzati nelle confezioni vi aiuterà a scegliere con maggiore consapevolezza il vostro abito, quando andrete in atelier. Una volta provato i vostri preferiti, fidatevi del tatto: il tessuto vi darà la prima risposta!

Naturalmente il fisico gioca un ruolo determinante in questa scelta, ma prendere confidenza con i tessuti vi sarà di grande aiuto.

Ecco qui una breve carrellata di quelli più usati:

  • Taffetà. Una stoffa dalla struttura rigida, ma di aspetto lucido. È utilizzata per wedding dresses costruiti, elaborati che hanno bisogno di una texture che tenga la forma
  • Georgette. Al contrario del precedente, un tessuto molto sottile, fine e leggero. Il materiale solitamente utilizzato è la seta. Perfetta per creare drappeggi per un abito da sposa morbido e avvolgente
  • Chiffon. Un tessuto delicato, molto raffinato,specialmente se in seta. Lo si può trovare anche in cotone e fibre sintetiche. Trova il suo maggiore impiego in abiti vaporosi, leggeri, adatti per un matrimonio in primavera.
  • Mikado. Tessuto di seta con una lavorazione particolare che lo rende brillante.
  • L’origine è giapponese. La sua consistenza è spessa. Anche il mikado è adatto per definire la struttura dell’abito da sposa. Quelli in mikado sono abiti fascianti che modellano la silhouette delle spose.
  • Pizzo. Nelle collezioni degli ultimi anni, il pizzo , nelle sue varianti come Chantilly ( prodotto ancor oggi nell’omonima cittadina nel cuore della Francia ), Macramè ( di origine araba, un merletto con lavorazione piatta a nodi ), tombolo ( bellissimo pizzo lavorato a mano  con l’omonimo strumento ), è tornato prepotentemente di moda. Questo ritorno in buona misura è stato dettato dall’abito nunziale di Kate Middleton, oggi Principessa di Cambridge, bellissima creazione con corpetto e maniche di pizzo. Il pizzo è utilizzato per creare abiti per spose romantiche che vogliono essere trasportate in un’atmosfera da sogno.
  • Raso. Quello in seta naturalmente, un tessuto lucido, uniforme, liscio, perfetto per le applicazioni. Può anche essere ottenuto da fibre sintetiche o artificiali. Due le caratteristiche importanti, morbidezza e vestibilità: è il tessuto perfetto per abiti sottoveste,  per spose dalla linea sottile con forme sinuose e proporzionate.
  • Tulle. Dal nome dell’omonima cittadina francese, è un tessuto a rete con motivi esagonali, realizzato in filato di seta oppure sintetico. È il tessuto d’elezione per il velo dell’abito da sposa, ma anche utilizzato come sottogonna per donare maggiore volume all’abito oppure per creare inserti particolari.

Per scegliere l’abito è anche e forse soprattutto, opportuno decidere in quale stagione ci si vuole sposare: ad essa abbineremo tessuto, modello e magari aggiunte di colore, senza dimenticare di scegliere le scarpe da cerimonia più adatte. 

Vuoi maggiori informazioni su come scegliere il tessuto per abito da sposa più adatto a te? Contattaci

Happy Wedding, Anna.

Condividilo!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *